Diario

La quarantena che non ci voleva

Eccoci qui,  a circa un mese dall’inizio di questo incubo a fare i conti con l’isolamento forzato, la paura dilagante e le catene di Whatsapp.

In questo periodo mi sono imbattuta in diversi articoli, post e commenti online in cui si parla della nuova visione del mondo, della rinnovata attenzione ai piccoli piaceri di ogni giorno e dello stupore dinanzi alle meraviglie della natura che la gente sta riscoprendo durante questa insopportabile segregazione. 

La cosa mi ha fatto riflettere, e molto. 

Quindi, fatemi capire, mi state dicendo che per fermarsi un attimo, prendersi il tempo di pensare a cosa è davvero importante nella vita e iniziare ad apprezzare anche le piccole cose vi serviva una pandemia mondiale? Sul serio?!

Non bastava chiudere Facebook cinque minuti prima la sera e fermarsi a pensare alle cose belle della giornata prima di andare a dormire? 

Non potevate fare lo sforzo di alzare la testa e guardare il cielo mentre andavate al lavoro invece di fissare l’asfalto pensando a quanto odiate il vostro capo?

Non sarebbe stato più semplice ascoltare un po’ di buona musica per rilassarvi a casa invece di fissare con sguardo vacuo la tv e riempirvi la testa di chiacchiere inutili con programmi di dubbia qualità? 

Adesso non è il momento di disegnare arcobaleni e improvvisare applausi al buco dell’ozono dal balcone di casa, come a voler recuperare tutto il tempo perso prima che le quattro mura in cui viviamo diventassero la nostra prigione. In questo periodo diversi ricercatori si sono interessati all’impatto psicologico che questa quarantena avrà sulla popolazione non appena ci sarà possibile tornare alla normalità, ma la realtà è che i danni si stanno facendo sentire già adesso. Tanta gente sta vivendo stati d’ansia e di stress senza ricevere l’aiuto e l’attenzione necessari, e mentre un ragazzo qualunque deve tornare agli antidepressivi che non usava da mesi, forse anni, la madre invia le foto del suo ultimo sformatino di patate e piselli alle amiche, rigorosamente in pigiama, hashtag iorestoacasa

Se proprio non sapete cosa fare, leggete e informatevi di più ora che ne avete il tempo, concentratevi su voi stessi e sulle persone che amate, che siano vicine o lontane. E chissà che un domani, una volta riaperti i cancelli del mondo alla società, non ci sia la possibilità di avere più consapevolezza e buonsenso tra la gente comune. 

Ma se neanche questo vi basta, allora aprite pure la finestra e postate una frase a effetto sugli incredibili prodigi della natura, tanto state pure tranquilli che, una volta tornati alla normalità, non sarete più neanche in grado di distinguere la sagoma del bonsai sul balcone del vostro vicino. 

Diario

P come Panico, Pandemia, Psicosi… Piantatela!

E va bene, è un periodo difficile per tutti. 

Prendiamoci un attimo di tempo e riflettiamo sulla situazione attuale della maggior parte degli italiani residenti al nord:

Non dobbiamo andare al lavoro, o, se ci andiamo (e non lavoriamo nella sanità), lo facciamo con orari ridotti; stiamo a casa senza che il senso di colpa si faccia strada nelle nostre menti perché non è una scelta personale; abbiamo la possibilità di dedicarci ad attività che solitamente trascuriamo per mancanza di tempo ed energie; possiamo riposarci e trascorrere più tempo coi figli perché le scuole sono chiuse.

Detta così come vi sembra? Se qualcuno vi avesse proposto di fare una cosa del genere mesi fa, voi ci avreste messo la firma pur di avere tutto questo il prima possibile. Eppure adesso sembra tutto orribile e spaventoso: gente che odia il suo lavoro smania per poter correre in ufficio e persino l’insegnante più anziana e inacidita sostiene di avere nostalgia dei propri alunni. 

Ma la cosa peggiore è che tutti noi siamo alla continua e spasmodica ricerca di informazioni: prendiamo lo smartphone, accendiamo la tv, ascoltiamo la radio e veniamo bombardati da notizie più o meno veritiere che generano immediatamente il panico, motivo per cui siamo tutti sull’orlo di una crisi di nervi.

C’è chi impazzisce per la paura, e chi impazzisce per la paura degli altri.

In tutto questo caos c’è una sola cosa che tutti noi dovremmo fare: prenderci cinque minuti di tempo e leggere con calma il Vademecum Psicologico Coronavirus per i Cittadini. Un documento di facile lettura, utile a comprendere meglio la situazione attuale e a calmare gli animi. 

Se non ci preoccupiamo della nostra salute mentale, ha poco senso munirsi di guanti e mascherina. Il contagio va prima di tutto arginato nelle nostre menti e solo così saremo in grado di mettere in pratica le linee guida nel modo corretto. Perché preoccuparsi è giusto, ma cadere vittima del panico è controproducente.

E se ancora non sono riuscita a convincervi, lasciate che vi elenchi almeno dieci aspetti potenzialmente positivi di questa situazione:

  1. Nessuno parla più di Bugo e Morgan
  2. Nessuno vi darà degli sfigati se passate il sabato sera chiusi in casa a guardare Netflix
  3. Non c’è la fila al supermercato (chi ha già svaligiato gli scaffali ora ordina la spesa online
  4. Potete rimandare il vostro appuntamento dal dentista (a meno che non sia un’emergenza)
  5. Avete la possibilità di stare in pigiama tutto il giorno
  6. Non siete costretti a uscire con gente che non vi piace solo per poter dire di avere una vita sociale (nessuno ce l’ha, per ora)
  7. Nessuno vedrà quell’orrendo brufolo che vi è spuntato sul mento (per luglio se ne sarà già andato, suppongo)
  8. Risparmiate sulle gitarelle del weekend (non temete, donne, i soldi accumulati in questi mesi verrano usati per una vacanza da sogno in estate. È tutto calcolato)
  9. Non siete costretti a vedere i parenti
  10. Hanno rimandato l’uscita del live action di Mulan (scusate, ma l’assenza di Li Shang e di Mushu in cambio di una strega incazzata proprio non si può tollerare) 

Ricordate, ridere fa bene alla salute!
Meno notiziari e più svago per tutti: tanto, se vi siete barricati in casa, che ve ne fate del TG?